Recensione Il falconiere di Elaine Clark McCarthy

Nell’attimo in cui scopre di non avere più molto tempo da vivere, India Blake realizza di avere trascorso la sua vita sempre in funzione di qualcuno, assolvendo ai suoi doveri, prima di figlia e poi di moglie, senza mai lasciare spazio ai suoi sogni. Le viene dunque spontaneo raccogliere un elenco di tutto quello che le piacerebbe fare, solo per sé, prima di morire. Così incontra Rhodri, il falconiere, per imparare da lui la nobile arte dell’allevamento del falcone. Ma ciò che le si apre davanti è un’intensa storia d’amore.

Un romanzo d’amore dai toni delicati. La narrazione lenta, inusuale per un libro dalle prospettive romantiche, mi ha dato modo di assaporare le descrizioni dei paesaggi, di apprezzare le tecniche di addestramento dei falchi, di carpire tutte le sfumature dei protagonisti che ho imparato a conoscere attraverso i ricordi di India. La malattia l’ha messa a dura prova, si ritrova a ripercorrere la sua vita, a soppesare le scelte fatte, rammaricandosi di ciò che è ormai perduto, e soprattutto ripensa all’unico uomo che abbia mai amato.

I salti temporali mi hanno concesso la possibilità di vivere in prima persona l’angoscia che l’attanaglia, la consapevolezza della morte che la ossessiona, ma lei non si arrende vuole vivere la sua vita fino in fondo, gustare tutti gli attimi che la vita le concederà con l’uomo che ha conosciuto solo nell’ultima e dolorosa parte della sua vita. Non è una lettura facile, è malinconica, le emozioni ti invadono delicatamente, si insinuano perché la scrittura a tratti lenta dà modo di riflettere. Ho pensato alla vita che a volte è ingiusta, crudele, che il bisogno di amare ed essere amati è la vera essenza della vita. Il falconiere ha incarnato questa necessità, ha donato se stesso a India nel modo più semplice, con gesti più che con le parole. Una figura che ho trovato di una sincerità disarmante, animato da un profondo rispetto per la natura, capace di sentimenti autentici, ha accompagnato India durante questo difficile trapasso, essendole accanto, ma soprattutto sostenendola nella sue ultime scelte. Una storia al limite dell’amore, perché va oltre, vola in alto come il falco che solca il cielo alla ricerca della propria libertà, padrone della sua vita.

falco2

Bellissime le descrizioni riguardanti l’attività del falconiere, questa sinergia perfetta tra il falco e l’uomo, ha fatto da contrappeso alla drammaticità degli eventi che si susseguono. Il racconto nell’insieme deve essere più intuito che letto, molto è solo accennato e questo non è piaciuto a molti lettori, li comprendo, ma io ne ho un bel ricordo, forse perché l’ho letto in un momento particolare della mia vita o forse semplicemente era una storia nelle mie corde, fatto sta che riprendendo il libro in mano ho provato una strana sensazione, come quando ti assale una lontana nostalgia. Ho amato il loro amore, ho sperato per loro, infine ho compreso le loro scelte. Fatevi travolgere da questa storia di sogni svaniti e ritrovati, un libro che ci insegna a riascoltare le voci dell’anima.

“Ancora una volta ha cambiato di colpo la mia vita, passato e presente, l’ha rovesciata. Ha riscritto la storia. Sono ammirata dalla forza del suo credo. Sembra afferrarmi con due braccia forti dalla foto che ho in mano, gridando che esiste una forma, un significato, una verità. Un luogo al di là di questo, dove volare insieme. Sarebbe come dubitare del volo di un falcone, del calore del fuoco, del legame che ci unisce.”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...