Recensione : Maestra di Lisa Hilton

“Maestra”, senza dubbio una gradita sorpresa.

Un grande successo a livello internazionale, in pubblicazione in più di 38 Paesi, vede la luce in Italia grazie alla Longanesi che ha puntato tutto su una figura femminile che ha fatto discutere e continuerà a farlo per moltissimo tempo ancora. Si vocifera di una trilogia e di una trasposizione cinematografica.

Un thriller avvincente. Una prosa intelligente e ricchissima di dettagli, descrizioni sublimi nella sua semplicità e passaggi accattivanti che ti catturano inesorabilmente.

Indubbiamente la protagonista di “Maestra” risulta essere quella  donna che tutte noi,  almeno una volta nella vita,  abbiamo sognato di essere. Scaltra, bella, colta, spregiudicata, e con una raffinatezza innata, quel tipo di donna, insomma, che fa tanto paura agli uomini. La stessa autrice, Lisa Hilton, ha definito il suo libro sovversivo, scioccante e a suo modo anche divertente. In effetti il libro è tutto questo e altro ancora.
L’autrice ha anche altresì aggiunto che nel mondo dell’arte, quando denaro e bellezza si mescolano, il risultato è spesso la decadenza. Ha dipinto un quadro a volte non molto lusinghiero sui tanti personaggi che affollano questo mondo, con le loro meschinità, il loro egoismo, tutti traditori e opportunisti. Ed è esattamente in questo mondo che Judith, la nostra protagonista, sogna di lavorare e realizzarsi e diventare un giorno “maestra”. Tutti i sacrifici affrontati fino ad allora, le corse e le umiliazioni, fanno parte del suo grande progetto, cioè lavorare in una delle gallerie più famose di Londra, e raggiungere finalmente quella gratificazione professionale a cui ambisce da tempo. Ma a volte la realtà è più dura di come ce la aspettiamo, un imbroglio perpetrato dal suo capo e scoperto dalla perspicacia di Judith, le costerà il posto di lavoro. Così dall’oggi al domani si ritrova senza lavoro, senza una carriera, e con una reputazione rovinata.

Prima di allora era stata una ragazza dai sani principi, fedele a se stessa e ai suoi sogni, fino a quando una sua vecchia amica le farà conoscere un modo per arrotondare le entrate, facendo l’accompagnatrice e vivendo una sorta di doppia vita. Ormai libera dagli impegni lavorativi accetta di accompagnare un cliente per un viaggio di piacere. Da qui in poi gli eventi contribuiranno alla metamorfosi di Judith che da brava ragazza diventerà una donna scaltra e un’avida arrivista. La storia tutta ruota intorno a questo metamorfosi, la sua totale mancanza di umanità e l’efferatezza delle sue azioni hanno reso questa lettura molto intrigante. Essere stata ingiustamente licenziata scatenerà quella rabbia che probabilmente da tempo covava in lei.

“La rabbia era sempre stata mia amica e io l’avevo trascurata. La rabbia mi aveva fatto tenere la schiena dritta, la rabbia mi aveva fatto superare le discussioni e le umiliazioni. La rabbia mi aveva
permesso di andare avanti, dalla mia insulsa scuola media fino all’università. Era stata la mia forza e il mio rifugio.”

Si trasformerà completamente, in modo quasi naturale, repentino. Sarà alla stregua di tutti quegli uomini che l’hanno sfruttata e denigrata.

“… non mi sarei fatta rovinare la vita dai Rupert di turno, e non ero così insicura da provare disprezzo nei loro confronti. Meglio odiare.
Odiare significa mantenere lucidità, ritmo e sangue freddo. Odiare significa essere condannati alla solitudine. E se devi trasformarti in una persona nuova, la solitudine è un ottimo punto di partenza. “

La sua sarà una discesa all’inferno, nulla la fermerà, tutto è lecito. Una sorta di rivendicazione tutta al femminile, dove anche l’omicidio è di norma e dove tradire è la prassi.

“Il desiderio e la mancanza, e lo spazio che li divide: era questo che dovevo negoziare. La mia vita a volte mi sembrava un intreccio di corde da
funambolo, tese tra ciò che potevo dare, o fingere di dare, e ciò che potevo avere.” 

La storia si evolve in un continuo crescendo e la forte componente erotica, danno carattere alla protagonista che vive in totale e disinibita libertà i suoi desideri. Semplice e puro piacere sessuale, fine a se stesso, senza nessun coinvolgimento emotivo. I sentimenti in questo libro sono rarefatti, inesistenti, tutto è avvolto dal calcolo e dalla meschinità. Lo stile fluido, l’evolversi delle vicende, l’inaspettato epilogo mi hanno, come lettrice, pienamente soddisfatto.

Interessanti le descrizioni sul mondo dell’arte, con tutti i suoi retroscena. Sublime l’intreccio dei personaggi, in grado di tener sempre vivo l’interesse del lettore, e un continuo susseguirsi di “uomini” della peggior specie, viscidi, traditori, approfittatori e arrivisti, tanti e tali quasi da giustificare le scellerate azioni di questa “eroina”. La tensione è spesso alle stelle in questa storia che si avvale di tutti gli ingredienti di un thriller moderno, il sesso, i soldi, ricchi uomini d’affari, operazioni finanziarie illegali, omicidi e poliziotti corrotti. Tutto nell’insieme ha contribuito alla trasformazione di Judith, in questo caso,una vera maestra dell’inganno.

Mi è piaciuto, Lisa Hilton ha tutta la mia ammirazione per aver creato Judith, una donna tanto affascinante quanto pericolosa.

Un libro che consiglio, specialmente in vista delle prossime vacanze estive.

Scheda dell’editore

Londra. Judith Rashleigh è assistente in una prestigiosa casa d’aste, è giovane, colta ed efficiente, di ottime maniere e molto bella. Ma tutto questo non basta. Il sogno di farsi strada con la propria competenza e intelligenza si infrange contro una barriera insuperabile di maschilismo, corruzione, snobismo. Perché, a quanto pare, a fregiarsi del titolo di «Maestro» possono essere soltanto gli uomini. Ma Judith non si arrende. Combatte. Con tutte le armi che ha a disposizione. Compreso il sesso e, se necessario, la capacità di uccidere. Sola, in pericolo e in fuga, Judith può contare soltanto sulla sua capacità di mimetizzarsi perfettamente tra i ricchi e famosi del pianeta e sulla sua competenza.

Tra yacht lussuosi, antichi palazzi d’Europa e oscuri traffici d’arte antica e contemporanea, Judith diventa progressivamente sempre più padrona del proprio destino, nel bene e, soprattutto, nel male. Ma è un male necessario per essere indipendente, importante, rispettata. Per essere, in una parola, «Maestra».

Questo è il romanzo che non c’era, che sfugge alle definizioni di genere perché una protagonista così non si è mai letta. In via di pubblicazione in tutto il mondo, questo è il primo capitolo di una trilogia capace di sedurre, scioccare e tenere col fiato sospeso lettori e lettrici di ogni latitudine.

L’autrice

hilton

Laureata ad Oxford, Lisa Hilton ha studiato Storia dell’Arte a Firenze e a Parigi. Ha all’attivo numerose pubblicazioni accademiche e collaborazioni con le più celebri testate anglosassoni, tra cui The SpectatorThe Times Literary SupplementLiterary ReviewVogueElle,The ObserverThe Independent e The Daily Telegraph. Di madrelingua inglese, parla perfettamente italiano, francese e spagnolo. Dopo aver lavorato a New York, Parigi e Milano, vive attualmente a Londra. Maestra è il suo primo thriller e primo libro di una trilogia in via di pubblicazione in tutto il mondo.

 

Titolo : Maestra

Autore : Hilton Lisa

Prezzo : 16.90 euro

Dati : 2016, pag. 398

Editore : Longanesi (Collana La Gaja scienza)

Disponibile in ebook

 

 

 

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...