Recensione : Sentenza di morte di Andreas Gruber

Come si fa a recensire un thriller senza svelarne le dinamiche?

Con “Sentenza di morte“mi trovo in seria difficoltà, quindi ho pensato di concentrarmi su un concetto, cioè quello dell’ineluttabilità della vita.

Si cresce, si crea una propria vita sociale ed affettiva, si raggiungono degli obiettivi, tutto è perfetto, tutto è al suo posto, fino a quando qualcosa o qualcuno irrompe nella tua quotidianità e ti strappa quello che più ti è caro. A quel punto quella vita non è più così perfetta, queste sfaccettature sono inaccettabili, insopportabili. Come si può sopravvivere, continuare a respirare, a credere in un domani. Come rendere meno gravoso questo peso, la sofferenza che ti attanaglia il cuore e ti strazia l’anima, come? Forse la risposta è rendere giustizia, la tua giustizia, che ti porta a compiere azioni scellerate in nome di un’idea di equità.

E da lì l’oblio, non c’è più nulla che abbia un senso, un unico pensiero ti assilla, la vendetta, la vera giustizia, non quella “scimmiottata” delle aule di tribunale. Sei tu l’artefice di un progetto che nella sua complessità riuscirà a darti, forse, un punto da cui ripartire.

“Studia bene il tuo nemico, perche´ sei condannato a diventare come lui.”

La trama, molto intelligente, mi ha catturato, letteralmente conquistato.

Una prosa scorrevole, chiara e nello stesso enigmatica, ha tenuto viva la mia attenzione fino all’ultima pagina. Un libro per nulla scontato e assolutamente non prevedibile. I protagonisti, tutti parte integrante del romanzo, unici e insostituibili, si danno il cambio senza difficoltà. Le vicende si intrecciano, si rincorrono capitolo dopo capitolo, alternando colpi di scena a dialoghi serrati, acuti. Con questo lavoro di Andreas Gruber si ha la sensazione di essere trascinati nei meandri di una mente malata, che ha progettato con abile maestria una serie di omicidi eclatanti, sfidando autorità e studiosi, con spavalderia, prendendosi gioco degli inquirenti e degli ignari lettori di questo stupendo thriller.

Consiglio!

Scheda dell’editore

È reale, Clara, ma è smagrita, sconvolta, tanto sotto shock da non riuscire più a parlare. Non può raccontare cosa le sia successo durante l’ultimo anno: dodici mesi che l’hanno vista sparire dal mondo, tanto che nessuno sperava più di rivederla viva. Eppure, sulle prime non presenta alcun segno di violenza… Fino a quando viene fatta una scoperta sconcertante: qualcuno le ha tatuato su tutta la schiena delle immagini tratte dall’Inferno di Dante. Ma senza la sua testimonianza, è un caso impossibile da risolvere. O così sembra… Intanto a Wiesbaden, in Germania, una giovane e ambiziosa agente, Sabine Nemez, viene ammessa al corso del Dipartimento investigativo federale, sotto la guida di Maarten Sneijder, un abilissimo profiler olandese che come metodo di studio affida ai suoi studenti una serie di cold ¬case da risolvere. Sabine si trova così a dover indagare al fianco di Sneijder su tre casi particolarmente cruenti, che non hanno niente in comune. Forse. Perché forse invece c’è in gioco molto di più di un corso di formazione, e toccherà proprio a Sabine e a Sneijder evitare che altre vite siano orrendamente spezzate, che altre giovani donne cadano vittime del maniaco ossessionato dalle opere di Dante…

Ringrazio la Longanesi per avermi concesso la possibilità di leggere questo libro.

L’autore

Gruber

Andreas Gruber è nato a Vienna nel 1968 e vive con la sua famiglia a Grillenberg, in Austria. È autore di racconti e di romanzi di successo grazie ai quali ha vinto numerosi premi.

Andreas Gruber
Narrativa
Collana: La Gaja scienza
Pagine: 514
Prezzo: € 18.60
In libreria dal: 19 Maggio 2016
Ordinabile su ibs

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...