Recensione : Virginia di Paolo Maria Rocco

Paolo Maria Rocco ci narra di “Virginia”, protagonista di un racconto emblematico, dove tutto ruota intorno alla musica, e all’amore per essa.

Virginia diventa,quindi, agli occhi del lettore, la personificazione di un sogno, di un’ossessione. Ci si chiede allora, fino a che punto ci si può spingere per un’ossessione?

L’autore e altri personaggi, certamente non marginali, ma narratori, testimoni, ci accompagnano lungo il percorso intrapreso da questa giovane pianista americana che si dedica alla ricerca delle pagine mancanti di un antico brevarium musicale attribuito a Guido d’Arezzo. Tutto il racconto ruota, apparentemente, intorno a questa ricerca, che si fa man mano sempre più intrigante, ma in realtà è più un viaggio verso la libertà di espressione, lontano dal conformismo, dalle regole.

La pianista mi ha affascinato da subito, per la sua intraprendenza, per aver colto lo spirito, l’essenza della musica. Questa scoperta epocale la travolge a tal punto, da mettere in gioco tutta la sua vita personale e professionale.

Nel momento in cui le è stato mostrato il brevarium, ha compreso quale sarebbe stato il suo scopo nella vita. È cambiata la sua percezione dell’arte, della musica, e forse anche del mondo. Ho ammirato la sua capacità di lottare per un sogno, la sua forza nel rinunciare al suo futuro, prestabilito, “comodo”, per rincorrere forse un’utopia. E anche quando giunge al culmine delle sue ricerche, e mostra al mondo la sua scoperta, mette in gioco tutta se stessa e la sua arte, non tenendo conto, in alcun modo, le ripercussioni sulla sua carriera e sulla sua persona. Vive la sua visione, si espone, dona il suo sapere in totale armonia con la sua anima. Sarà compresa? Cosa ne sarà di Virginia adesso? Tutte risposte che sono celate in questo interessante racconto di Paolo Maria Rocco che ci ha donato una bella pagina della musica e della letteratura. Molti sicuramente sono all’oscuro della storia di Guido d’Arezzo, compresa la sottoscritta, quindi leggere queste pagine è stato, per me, un vero e proprio arricchimento.

L’innovazione maggiore del monaco è stata, oltre ad essere l’ideatore della moderna notazione musicale, aver permesso che la musica non fosse più trasmessa oralmente, ma scritta su spartiti, quindi fruibile da chiunque. Una vera rivoluzione in campo musicale, fino ad allora appannaggio di pochi eletti.

Figura di rilievo nel panorama musicale, un innovatore che ha reso la musica senza limiti di tempo e di spazio.

In questo racconto si denota tutta la bravura del narratore, la struttura, il ritmo tengono il lettore incollato alle pagine, giocando con salti temporali, inserendo vicende personali, ambientazioni diverse, tutto abilmente intrecciato in un indagine che tiene piede durante l’intero svolgimento del racconto; ci regala la sensazione di un giallo, ma che in realtà è un viaggio alla scoperta di un mistero più grande, quello della libertà interiore e di una scoperta che stravolgerà la vita di molti.

Sicuramente un libro di non facile lettura, scrittura sobria, raffinata, molto ricercata. Adatta a lettori di nicchia. La mia non vuole essere una critica, piuttosto un incentivo alla lettura, perché questo libro merita il Vostro tempo. Merita la Vostra attenzione, c’è molto da imparare e tanto da conoscere. La parte che ho preferito è quella centrale, dedicata alla storia del monaco, qui le parole scorrono veloci, si denota un cambio di mano, il racconto è alleggerito, meno articolato.

Virginia sempre al centro del racconto non è mai veramente presente, sembra lontana, una figura sospesa tra il tempo, se ne percepisce la presenza, delicata, velata. Eppure centrale, vera protagonista, l’unica in grado di cogliere l’essenza dell’eredità di Guido d’Arezzo.

Scheda dell’editore

La chiave di lettura che questo racconto lungo di Paolo Maria Rocco ci offre è nella scoperta di un antico breviarium musicale attribuito al grande Guido d’Arezzo, inventore della notazione musicale.  Nella indagine intorno a un segreto che riemergerà a poco a poco dal passato, la vita di una giovane pianista americana, che accetta i rischi di una difficile impresa, ne risulterà stravolta. È il fascino perpetuo della scoperta e dell’investigazione che si invera (…), una riserva potenzialmente inesauribile per molteplici trattamenti, soprattutto qualora il reperto abbia a che fare con un oggetto di riflessione intellettuale. In queste pagine  si può notare che l’Autore, opportunamente, evita con cura di indulgere in sviluppi banalmente ‘giallistici’. Nella trama che si dipana attorno al ritrovamento l’azione e i colpi di scena hanno ben poco rilievo, a tutto beneficio della dimensione ‘empatica’ che i protagonisti stabiliscono con il reperto e, soprattutto, con l’autore che si immagina alla sua origine.

L’autore

PAOLO MARIA ROCCO,   nato a Napoli,  vive a Fano.  È Laureato in  Lettere Moderne  ed è  stato  professore  a contratto per l’Università degli Studi di Urbino. Ha conseguito Perfezionamento nell’Università di Firenze. Esordiente nella narrativa, ha pubblicato poesie, saggi di critica letteraria (tra i quali Il Christian Madden di Bruno Fonzi, sullo scrittore e traduttore marchigiano Bruno Fonzi, per Simple Edizioni di Macerata) e traduzioni e interventi critici su Georges Bataille. È giornalista professionista dal 1995 (Il Giorno, di Milano, L’Eco di Bergamo, La Gazzetta di Pesaro, Il Resto del Carlino, Altrogiornalemarche e altri), insegna Letteratura italiana e Storia nelle scuole superiori. Sue poesie inedite sono presenti nell’Enciclopedia di Poesia Contemporanea della Fondazione Mario Luzi celebrativa del Centenario della nascita del poeta.

Autore      PAOLO MARIA ROCCO

Titolo        VIRGINIA (O: QUE PUIS-JE FAIRE?)

Prezzo       € 10,00 Pagg. 80 F.to 15×21

ISBN/EAN 978-88-98457-76-2

BASTOGILibri – Collana: Percorsi Narrativi

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...