Recensione : La rosa violata di Beppe Briganti

Con immenso piacere voglio riproporvi questa recensione.

L’autore emergente Beppe Briganti mi chiese a suo tempo di recensire il suo libro, intitolato “La rosa violata”.

Da semplice lettrice decisi di leggere questo suo libro, ero alle prime armi, guidata solo dalla semplice passione per la lettura. Il romanzo mi colpì molto, tanto da convincere i miei follower su Instagram a seguire il mio esempio.

Mi è stato comnicato che il libro in questione da allora ne ha fatto di strada, la copertina è mutata, come è mutata la casa editrice, oggi Biblioteca Edizioni.

Sono felice per l’autore e per tutti quelli che nell’ombra lo sostengono in questo lungo e faticoso viaggio della promozione.

Ma bando alle ciance, desidero condividere con voi la mia recensione di allora e presentarvi ufficialmente la nuova copertina.

L’autore Beppe Briganti mi ha proposto di leggere il suo romanzo d’esordio La rosa violata…
La lettura partita in sordina, si è rilevata, man mano, sempre più coinvolgente, a tratti intensa, ironica e divertente.
Con una scrittura fluida e veloce veniamo trascinati in questo giallo, tutto italiano… Ambientato nella provincia pugliese, tra una serie di aggressioni e un delitto apparentemente semplice da risolvere, si viene a contatto con una lunga serie di personaggi che spiccano nella storia  per la propria originalità e sono tutti egualmente parte delle indagini,  accompagnando il lettore lungo tutto il racconto… questi personaggi dai tratti peculiari,  folcloristici,evidenziano pregi e difetti dell’italiano medio, il tutto rafforzato anche dall’uso di frasi dialettali, capaci di strappare un sorriso al lettore e nel contempo invogliarlo a procedere nella lettura…
Confesso, l’ho letto tutto d’un fiato, in un solo giorno… E sono felice di poter, nel mio piccolo, suggerire la lettura di questo romanzo. Mi ha convinto la trama avvincente e l’italianità dei protagonisti così ben delineati …
la rosa

Scheda dell’editore

Un amore forte, nato da i giochi d’infanzia, un padre che lo non lo accetta e lo vuole contrastare a tutti i costi, una serie di aggressioni e un delitto apparentemente semplice da risolvere. Questi sono gli ingredienti principali di una vicenda ambientata nella provincia pugliese verso la fine degli anni novanta. I personaggi, spesso di origine contadina, ma entrati repentinamente in contatto con una modernità che attrae e lusinga, si muovono tra progresso e tradizione, con problemi e disastrose sconfitte. Parte dei dialoghi sono in un dialetto talsanese riadattato per una migliore comprensione. Tra vicende degne della peggior cronaca nera, non mancano personaggi e situazioni che fanno sorridere. Momenti emozionanti si alternano sapientemente a situazioni decisamente comiche.

La rosa violata

Beppe Briganti

Edizione: 2
Anno edizione: 2017
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...